Superstizioni

DESTINI: FIGLI D'IMMIGRANTI

"... Thierry era informato su tutto. Sapeva che a Boteka non avrebbe trovato la corrente elettrica, così come l’acqua del rubinetto, il farmacista o il panettiere del quartiere. Gli fu detto anche che i gabinetti sono fuori, dietro la concessione alle porte della foresta e che, anche la notte, è lì che tutti si recano per soddisfare i bisogni fisiologici. Per complicargli maggiormente la vita, gli raccontarono una storia ben nota in Congo, una superstizione del nostro paese e dei nostri villaggi: si dice infatti che, in una famiglia con almeno un componente albino, sia strettamente raccomandato di svegliare quest’ultimo la notte, prima di uscire per recarsi al gabinetto. Trasgredire a questa regola può rivelarsi un grande errore; il malcapitato rischia d’incontrare la copia del parente albino fuori mentre vigila sulla famiglia. Esageratamente superstiziosi, i congolesi attribuiscono alle persone albine una serie di poteri magici, molti dei quali sarebbero favorevoli alla stessa famiglia. Ma, perché questo sia valido, è d’obbligo il massimo rispetto di alcune regole, pena una serie di disgrazie in famiglia. Incontrare la copia del parente albino fuori dalla casa, la notte, è un fatto molto pericoloso, capace, addirittura, di compromettere la vita del familiare imprudente. Lo sanno tutti, anche quelli che non hanno parenti albini. E nessuno oserebbe mai trasgredire ..."

Lascia la tua opinione

* campi obbligatori (l'indirizzo email NON verrà pubblicato)

Autore*

Email*

URL

Commento*

Codice*